Bicicletta elettrica: modello E-bit H di Wayel

Le bici elettriche sono un mezzo di trasporto nuovo, che ha cambiato completamente non solo la viabilità nelle città, ma anche la percezione della bicicletta in generale. Wayel è una delle aziende produttrici di biciclette elettriche e, grazie anche alla collaborazione con l’Università di Bologna, è riuscita ad apportare innovazioni e novità importanti.

Il modello E-bit H è uno dei più famosi e agili all’interno della produzione dell’azienda. Si tratta di una bicicletta pieghevole che ha montate delle ruote da 18”, con pneumatici a impronta larga. Proprio per via di queste caratteristiche, si tratta di un veicolo adatto anche al fondo strada sconnesso e pieno di buche.

Il modello E-bit H è il frutto dell’innovazione e della storia della casa produttrice Wayel. Infatti si tratta di un modello con le batterie da 36V sono a Ioni di Litio, equipaggiate con celle Samsung. Si tratta di batterie molto leggere, che posso essere tolte dalla bicicletta e caricate molte volte. Gli studi hanno dimostrato che il loro ciclo di vita è davvero lungo: basti pensare che dopo cinquecento cicli di ricarica completi la batteria risulta all’87% della sua capacità. Ma non è tutto.

Sulla bicicletta si trova un vero e proprio computer che consente di valutare di volta in volta l’intensità della pedalata e la potenza sfruttata del motore. Inoltre la bicicletta può essere ripiegata in modo facile e rapidissimo, per poter essere caricata su treni o mezzi di trasporto privati. E se non vuoi trasportarla a braccia, è stata pensata appositamente una speciale borsa dotata di ruote, nella quale si può riporre la bicicletta dopo l’uso e trasportarla agilmente e senza fatica. A parte come optional è disponibile uno speciale portapacchi. La bicicletta è in alluminio e dunque è realizzata in un materiale che garantisce estrema leggerezza e facilità di movimento e di trasportabilità.